“Filumena Marturano” in scena a Giarre

Sabato 1 e domenica 2 febbraio 2020, la Compagnia teatrale Jonica porta in scena, sul palco del Cine Teatro Garibaldi di Giarre, lo spettacolo Filumena Marturano, scritta nel 1946 da Eduardo De Filippo.

TRAMA:
Filomena, fin dall’adolescenza, è costretta dalla miseria ma anche dalla sua stessa famiglia ad entrare in una casa di tolleranza. Qui conosce Domenico Soriano, ricco pasticciere di Napoli, che spende la sua vita tra donne e cavalli. Inizia così una assidua “frequentazione” tra i due e Domenico decide di fare di Filomena la sua mantenuta, sistemandola prima in una casetta in un piccolo paesino e successivamente nella propria casa. Filomena sopporta le umiliazioni, i tradimenti, la mancanza totale di considerazione e apprezzamento, un po’ perché col tempo, malgrado ogni cosa, si è innamorata di quest’uomo, ma soprattutto per i suoi tre figli: Michele, Riccardo e Umberto. Il padre di uno di questi ragazzi è proprio Domenico, ignaro di tutto. Filomena infatti, con i soldi di Domenico e a sua insaputa, fa crescere i figli, anch’essi ignari delle proprie origini. Ora per Filomena è tempo del riscatto, è tempo che i suoi figli abbiano una famiglia, quella famiglia che a lei è sempre mancata e che ha cercato in ogni modo e con tutte le sue forze. Organizza così una messinscena per farsi sposare. Si finge in fin di vita e, ingannando anche il prete e il medico, esprime il desiderio in punto di morte di unirsi in matrimonio con Domenico. Questi, nella certezza che ormai è alla fine, accetta. Ma una volta celebrata la funzione Filumena si alza: “Don Domenico tanti auguri: siamo marito e moglie!”. Domenico è furioso e minaccia di rivolgersi ad un avvocato per far annullare il matrimonio. Filumena, allora, gli confessa l’esistenza dei figli: è per loro che ha architettato l’inganno, per dare loro un nome, quel nome tanto anelato: Soriano. Domenico non si smuove e anzi ride di lei continuando ad umiliarla come ha sempre fatto e, alla fine costretta, Filumena gli rivela che lui stesso è il padre di uno dei suoi figli ma, nonostante le continue richieste di Domenico, non gli dirà mai chi. Filumena rivela ai suoi stessi figli con un racconto struggente e nello stesso tempo dignitoso di essere la loro madre e, vinta dall’indifferenza di Domenico, decide di lasciarlo libero e annullare il matrimonio. Domenico si ritrova a fare i conti con il suo passato e con il tormento di un padre che non sa chi è il proprio figlio. Alla fine, vinto, acconsente a sposare realmente Filumena e a riconoscere i tre ragazzi diventandone di fatto il padre e riversando su tutti l’affetto che avrebbe in un primo momento voluto provare per uno solo di loro. Ha capito che è tempo di fermarsi, non è più il tempo di correre, è tempo di mettere da parte il suo egoismo e guardare avanti.

Se è vero che è Filumena a far la parte del leone e non a caso è il primo vero grande ruolo femminile nel teatro moderno, è il personaggio di Domenico a intraprendere un viaggio dentro Filumena e dentro se stesso. Un viaggio che gli permetterà di scoprire tutte quelle qualità umane che aveva ignorato in quella donna ridotta a schiava e i diritti dei figli illegittimi in quelle parole di lei che alla fine andrà ripetendo facendole proprie con convinzione e serena accettazione: “’I figli sono figli… E sono tutti uguali… Hai ragione Filumena, hai ragione tu!”.

In “Filumena Marturano” Eduardo racconta la storia di Filumena, ma soprattutto quella di Domenico Soriano. Perché è lui che cresce e che cambia, nei pochi mesi in cui si svolge l’azione. Lei resta com’era: la stessa donna forte, intelligente e coraggiosa che è sempre stata.
Come un ring: da una parte Filumena Marturano, ex prostituta e fedele compagna di tutta una vita; la rabbia, il rancore, la determinazione, ma anche la dolcezza e l’appassionata – e segreta – affettività materna. Un carattere di ferro, una gestualità perfetta e una sicurezza che rendono unica la sua interpretazione.
Dall’altra Domenico Soriano, rampollo borghese con la passione per i cavalli e le donne. Furente, ha la legge dalla sua e annulla il matrimonio; non è sufficiente, però, per mettere al tappeto Filumena Marturano.
Un Mimì acuto, caustico, penetrante, abilissimo a rappresentarne la profonda metamorfosi, passando dalla rabbiosa spavalderia del primo atto alla dubbiosa afflizione dell’ultimo, che sfocerà in una volutamente enfatizzata commozione quando si sentirà chiamare, per la prima volta nella sua vita, “papà”.

Con: Veronica Scandurra, Giuseppe Cultrera, Pippo Lo Cicero, Liliana Bonomi, Elvira Piacenti, Angela Giammuso, Salvo Di Franca, Marco Silvestro, Salvo De Luca, Giovanni Spada, Cettina Calabrò.

Biglietto d’ingresso € 15,00.

01 Feb 2020
02 Feb 2020
  • via Garibaldi 30/a - Giarre Riposto
  • 17:30
€ 15,00

PROSSIMI EVENTI

  • Non ci sono eventi in questa posizione

  • Salva sul calendario

    0